Progrexus | Aree
534
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-534,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,fs-menu-animation-line-through,popup-menu-text-from-top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Aree di Intervento

Pianificazione degli scenari: come definire i futuri possibili

“Quando la velocità di cambiamento all’esterno di un’organizzazione è maggiore di quella all’interno, la fine è vicina.” (Jack Welch).

 

Viviamo in un mondo in cui l’unica costante è il cambiamento e paradossalmente molti manager operano in azienda sotto la tirannia del presente, come se quest’ultimo fosse immutabile.

 

Uno dei principali compiti di un manager è fare in modo che la propria azienda rimanga competitiva almeno per i prossimi 5 o 10 anni. Ovviamente, prevedere il futuro a 5 o 10 anni è impossibile ma vitale. Il futuro è parzialmente fatto di argilla, in parte lo subiamo, in parte possiamo immaginarlo e in parte possiamo influenzarlo.

 

La pianificazione degli scenari ci consente di identificare una serie di futuri possibili e infine il marketing e la comunicazione offrono la chance di influenzarne la realizzazione.

Innovazione

Innovare significa risolvere problemi e quindi per innovare o si va alla ricerca di problemi nuovi o di nuove soluzioni a problemi ben noti.

 

L’innnovazione è una leva strategica di crescita del business.

 

Progrexus aiuta i propri clienti nell’utilizzo dell’innovazione come leva per competere attraverso:

  • generazione di idee mediante l’utilizzo di tecniche di creatività generativa;
  • progettazione del processo sviluppo nuovi prodotti;
  • definizione di modelli organizzativi a supporto;
  • sviluppo di competenze che favoriscono l’applicazione del pensiero associativo che è alla base della scoperta di innovazioni.

Ingegneria organizzativa

Esistono diversi modelli organizzativi che un’azienda può progettare per raggiungere i propri obiettivi di business. L’ambiente competitivo è una determinante dell’approccio strategico e quest’ultimo del modello organizzativo a supporto.

 

In un contesto competitivo caratterizzato da economie di scala, alti volumi produttivi etc. è necessaria un’organizzazione funzionale, con ruoli e responsabilità specifiche etc. mentre in un contesto competitivo guidato dall’innovazione il modello organizzativo privilegia strutture “piatte”, orientamento ai progetti e al lavoro in team multifunzionali etc.

 

Progrexus progetta modelli organizzativi che fanno leva sulla configurazione di diverse variabili organizzative,  sia Hard (obiettivi, processi, procedure, automazione etc.) che Soft (legati alle persone, alle loro relazioni e alla  cooperazione) L’efficacia di un modello dipende dalla capacità di cooperazione delle persone che ne fanno parte e dalla qualità delle loro relazioni professionali.

Execution: realizzare

Nelle aziende moderne si sta passando dal lavoro orientato ai task (attività)  verso quello orientato ai progetti. Emerge sempre più la necessità di aggredire i problemi aziendali da un punto di vista sistemico e multidisciplinare e quindi si lavora in team e per progetti per il raggiungimento di specifici obiettivi di tempo, costo e qualità.

 

Più dell’80% dei progetti fallisce a causa di ridotte capacità di leadership e relazione delle persone che guidano i progetti (project manager). La competenza di project management non è sufficiente, essa va integrata con ulteriori  abilità per la gestione della componente umana: comunicazione, gestione di conflitti, problem solving interpersonale, leadership, saper dare feedback.

 

Progrexus ha definito un modello di execution (“la disciplina del fare”) che combina tecniche di project management, facilitazione di gruppi di lavoro e consulenza di processo per la realizzazione di progetti nel rispetto di tempi costi e qualità.

Cambiamento: organizzativo e personale

Tipi di cambiamento:

  • organizzativo
  • personale
  • di gruppo
  • passaggi generazionali